Il mondo venatorio: facciamo ripartire il settore

Le associazioni venatorie riconosciute e il CNCN si rivolgono al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle Istituzioni per chiedere attenzione verso una parte importante del sistema economico-sociale del Paese

Roma, 29 aprile 2020 – Mentre il Paese si prepara a una pur graduale ripresa delle attività produttive, anche il mondo venatorio rappresentato dalle Associazioni Riconosciute (Federazione Italiana della Caccia, Associazione Nazionale Libera Caccia, Enalcaccia, Arcicaccia, ANUUMigratoristi, Italcaccia, Ente Produttori Selvaggina) e dal CNCN-Comitato Nazionale Caccia e Natura, è impegnato in una intensa attività a sostegno del settore, ponendosi come interlocutore autorevole nei confronti del Governo e delle Regioni.

Fra le molte iniziative, la Cabina di regia del mondo venatorio ha chiesto un incontro al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per confrontarsi direttamente con lui sulle criticità che hanno colpito il settore rappresentato, e ancor più sulle possibilità di contribuire concretamente al rilancio di una attività che è parte rilevante del tessuto socio economico rurale, artigianale, industriale e commerciale italiano. Con l’occasione, è stato sottolineato l’importante contributo che il comparto ha offerto nel fronteggiare l’emergenza, attraverso tutte le attività di volontariato e supporto alle comunità sul territorio e gli ingenti contributi economici destinati soprattutto alla sanità. La Cabina di regia si è poi rivolta ai Presidenti delle Regioni e Province autonome per sollecitare la ripresa urgente degli interventi di contenimento e controllo della fauna selvatica al fine di evitare ulteriori gravi danni alle produzioni agricole, affiancando la regolare apertura della stagione della caccia di selezione. Entrambe le attività peraltro si svolgono singolarmente e quindi rientrano appieno nei protocolli dettati dal Governo per le attività all’aperto.

Allo stesso modo è stata chiesta la riapertura delle diverse zone di addestramento e allenamento cinofile, con la possibilità di svolgervi attività sportiva o motoria all’aperto in forma singola, così come già stabilito da alcune Regioni, consentendo a proprietari e addestratori di spostarsi all’interno della propria regione di residenza per compiere tutte quelle attività essenziali al benessere animale messo a rischio dalla mancanza delle necessarie attività motorie.

Il dialogo con le Istituzioni, da più parti tempestivamente attivato, è quotidianamente in corso per assicurare la redazione e l’approvazione dei Calendari Venatori per la prossima stagione, dando così certezza del diritto e garanzie per il proseguo dell’attività venatoria a tutti i praticanti.

Componenti della cabina di regia del mondo venatorio:  Federcaccia, Associazione Nazionale Libera Caccia, Enalcaccia, Arcicaccia, AnuuMigratoristi, Italcaccia, Ente Produttori Selvaggina, CNCN (Comitato Nazionale Caccia Natura).

Federcaccia Catania impegnata a supporto del Servizio di Protezione Civile del Comune di Biancavilla

Collaborazione tra Comune e Federcaccia Catania

Federcaccia Catania-Settore Protezione Civile ed Antincendio ha dato la disponibilità al Sindaco del Comune di Biancavilla, provincia di Catania, al fine di supportare, in questo periodo emergenziale, l’Ufficio Comunale di Protezione Civile.
E’ stato il Sindaco Antonio Bonanno in persona a consegnare ufficialmente nelle mani di Giuseppe Scandurra, Direttore Responsabile del Settore Protezione Civile ed Antincendio di Federecaccia Catania, la lettera di incarico con la quale è richiesta la collaborazione al fine di poter divulgare, presso le attività commerciali, l’Ordinanza Sindacale n.32 del 09/04/2020 avente ad oggetto “Misure di contenimento per il contrasto sul territorio comunale della diffusione del Virus Covid-19 Sanificazione degli Esercizi Commerciali.”
Il personale sarà impegnato, sotto il coordinamento del Geom. Paolo Pinnale, responsabile del Servizio Comunale di Protezione Civile, oltre che nella diffusione dell’Ordinanza, anche per eventuali compiti che si riterrà opportuno affidare.
Il servizio di consegna dell’Ordinanza viene svolto in sinergia con la G.E.P.A. Sicilia nella persona del Presidente Placido Petralia.

Federcaccia Sicilia, donazione alla Protezione civile regionale

Donati 3.000,00 euro per gli ospedali siciliani. Il presidente regionale Giuseppe La Russa: “Il consiglio regionale e le sezioni provinciali hanno aderito all’iniziativa di Fondazione Sicilia”

Il Consiglio Regionale e le Sezioni Provinciali di FIDC Sicilia (Federazione Italiana della Caccia), accogliendo la proposta dell’associazione “Strada degli scrittori”, aderiscono all’iniziativa della Fondazione Sicilia che nelle scorse settimane ha avviato una campagna di raccolta fondi chiamata “SOS CORONAVIRUS SICILIA”.

La Fidc siciliana dona € 3.000,00, somma devoluta, in sintonia con tutto il consiglio regionale, al Dipartimento regionale della Protezione Civile, contribuendo così all’acquisto di beni strumentali per i pronto soccorso e gli ospedali siciliani, all’acquisto di dispositivi di protezione individuale per medici e paramedici e ad interventi strutturali per creare nuovi reparti di terapia intensiva.

“In linea con la solidarietà espressa in queste ultime settimane da FIDC Nazionale e da tutte le realtà regionali, provinciali e comunali di Federcaccia – dichiara il presidente regionale Giuseppe La Russa – anche noi in Sicilia abbiamo voluto dare un segnale condividendo l’impegno della Fondazione Sicilia a favore di tutti gli ospedali siciliani, rispondendo all’appello della Strada degli scrittori”. Aggiunge La Russa: “Siamo vicini in questo momento agli operatori della sanità e con il nostro piccolo gesto vogliamo esserlo ancora di più, tutti chiamati a testimoniare concreta solidarietà”.