Beccaccino (Gallinago gallinago)

logo_sfondo_trasparente

 

 

 

Il tiro di “accompagnamento”, come suol dirsi, cioè quello velocemente mirato, sta alle cacce palustri e vallive da appostamento, come la “stoccata” sta al beccaccino; questa tecnica come sostiene l’Avvocato Giuseppe Mazzotti, trascina il cacciatore, da un giorno all’altro, dall’altare alla polvere….

Vai alla scheda

LA VERITA’ SUI PANTANI LENTINI E GELSARI

logo biglietto

Come molti lettori ricorderanno, e com’è possibile verificare sul sito federcacciasicilia.it,  la FIDC Sicilia e l’Ufficio Avifauna Migratoria Nazionale, per primi quest’anno verificarono l’incongruenza fra la realtà normativa e il divieto di caccia presente nell’area, in particolare per quanto riguarda i pantani Gelsari.

Infatti, diversamente da quanto affermato da altri, , una cosa è il pantano Lentini, e una cosa sono i pantani Gelsari. Mentre il primo ricade interamente nella ZPS ITA070029, denominata “Biviere di Lentini, tratto mediano e foce del Fiume Simeto e area antistante la foce”, i pantani Gelsari si trovano invece al di fuori della ZPS ITA 070029. Per chiarire ci troviamo fra la provincia di Catania e Siracusa, precisamente nell’area dei Comuni di Carlentini, Augusta e Catania dove particolari condizioni hanno portato in passato alla creazione di habitat umido di grande valore naturalistico.

Continua a leggere

LETTERA APERTA DEL 04 AGOSTO 2016

logo biglietto

                                 CONSIGLIO REGIONALE DELLA SICILIA

Racalmuto, 04 Agosto 2016

LETTERA APERTA

E’ con grosso rammarico che si constata, ancora una volta, che con l’approssimarsi della campagna per il tesseramento, alcuni sedicenti  “ amici della caccia” tentano di ottenere un minimo di visibilità ricorrendo al metodo della mistificazione e della divulgazione di documenti artatamente contraffatti e anonimi.

Ci si riferisce in particolare al manifesto (ovviamente anonimo)apparso nei giorni scorsi nelle province di Messina e Catania in cui si allude ad una non meglio specificata “alleanza” tra La Sede Nazionale della Federazione Italiana della Caccia e l’associazione ambientalista Legambiente al fine di danneggiare i cacciatori e la caccia.

L’occasione è gradita per ricordare che il giorno 20 Gennaio 2015 a livello nazionale è stato presentato un progetto del quale facevano parte, ovviamente, FIDC, Arcicaccia ANUU, rappresentanti del mondo agricolo, scientifico, universitario nonché Legambiente.  Tale “Tavolo di lavoro nazionale per la fauna selvatica” aveva ed ha lo scopo di affrontare i temi relativi alla fauna selvatica, ai danni causati dagli ungulati ed al precipuo scopo di creare una banca dati nazionale sulla fauna selvatica e sulle attività ad essa collegate.
Continua a leggere